Serata di degustazioni e narrazioni ebraiche Dialogo interreligioso

Con la nostra seconda tappa del V Festival Internazionale della Cucina Mediterranea, facciamo un viaggio nel mondo ebraico che non è un semplice viaggio culinario ma culturale e religioso.

Cogliendo l’occasione per degustare alcuni piatti della comunità ebraica di Torino, abbiamo voluto creare questo momento di condivisione e discussione tra il rabbino capo Ariel Di Porto, l’imam Mohamed Shahin, la pastora Valdese Maria Bonafede e Don Durando, parroco di San Salvario.

Gli interventi sono stati molto toccanti e riflessivi, come il trovare il tempo per parlarsi, guardarsi negli occhi;

mangiare insieme attorno ad un tavolo senza l’utilizzo dei telefonini o televisori, cosa che i fratelli ebrei fanno soprattutto durante il shabbat.

Il valore della condivisione, come il profeta Muhammad pbsdl ci invita a condividere il pasto con il prossimo, l’esempio riportato dall’imam, quando una famiglia cucina e il profumo dei piatti sul fuoco raggiunge il vicino di casa è buona cosa condividere quella pietanza. O quando ci dice, che non è un vero musulmano chi dorme sazio sapendo che il proprio vicino dorme a pancia vuota.

Una delle storie che mi colpirono da piccolo raccontava di un amico, compagno del profeta pbsdl, che quando aveva un ospite la sera, spegneva le candele al momento del pasto perché il cibo non era a sufficienza e l’amore verso gli ospiti era fondamentale. Spegnendo le luci, non si sarebbe accorto di essere l’unico a mangiare.

Le storie di Calvino, della comunità valdese e l’intervento di Don Durando sono stati illuminanti. Serate come questa, sono quelle che ti fanno dire che un mondo migliore è possibile.

Questo è stato ieri il festival, molto spesso sogniamo di cambiare il mondo ma per farlo dobbiamo cominciare dai nostri condomini, dai nostri quartieri, creando fratellanza, unione, comunità. Il mondo si può cambiare, ma non è altro che la sommatoria di tanti quartieri, ognuno inizi “a casa sua”.

Ieri per l’ennesima volta vedere i rappresentanti delle fedi monoteiste fianco a fianco è un segnale bellissimo!

La serata proseguì condividendo il pasto kosher e musica Klezmer.

Stasera, la terza tappa, serata Marocchina al ristorante Mar Rosso!!! Vi aspettiamo